Primo trimestre 2020, scende il mercato dei pc. I numeri degli analisti

L’impatto del coronavirus sulla produzione e la domanda di pc è negativo. Secondo gli analisti di Gartner il mercato globale dei pc chiude il primo trimestre dell’anno con consegne in flessione del 12,3%, scendendo a quota 51,6 milioni di unità, il calo più marcato dal 2013. Numeri sempre negativi, ma meno marcati, sono quelli forniti da altre due società d’analisi, Canalys e Idc, che calcolano la flessione tra il -8% e il -9,8%, con volumi di consegne tra 53,2 e 53,7 milioni. Tutti però concordano con il podio dei costruttori, che vede al primo posto la cinese Lenovo, con una quota di unità commercializzate che va dai 12,6 ai 2,8 milioni (-3%/-4% su base annua), al secondo HP (11,1-11,7 milioni di pc consegnati e una flessione del 12-13%), e al terzo Dell, unica azienda a registrare una crescita: +1-2%, con volumi di 10 milioni di unità.

Sotto il podio i dati degli analisti divergono

Fuori dal terzetto di testa, riporta Ansa, gli analisti offrono dati più divergenti.

Secondo Gartner, Apple è quarta con 3,5 milioni di Mac consegnati, e un calo del 6,2%, seguita da Acer, a 2,9 milioni di unità (-12,7%). Per i ricercatori di Canalys Apple si è invece fermata a 3,2 milioni di unità e la contrazione, rispetto al primo trimestre del 2019, è del 21%. Acer, secondo Canalys, è vicina a 3,1 milioni (-12,6%), e secondo Idc, con 3,3 milioni (-9,9%) Acer scavalca Apple a 3,1 milioni (-20,7%).

Desktop, notebook e workstation hanno sofferto per il blocco delle produzioni

In ogni caso, tutti sono concordi nel rilevare il declino del mercato pc per i problemi di approvvigionamento derivati dalla pandemia. Desktop, notebook e workstation hanno sofferto per il blocco delle produzioni di febbraio, e anche la ripresa della produzione a marzo è stata lenta. In questo scenario il mercato EMEA ha chiuso il primo trimestre 2020 in negativo, ma con una flessione solo a singola cifra percentuale. Segno meno anche per i mercati Asia/Pacifico, Giappone, America Latina, Stati Uniti. Una crescita c’è stata solo in Canada, riferisce impresacity.it.

Il problema non è legato alla domanda

Se la domanda di aziende, professionisti e studenti non è mancata, specie di notebook, è mancata l’offerta. Idc stima che nel primo trimestre 2020 la richiesta di computer sia salita, poiché molti si sono trovati a lavorare da casa con pc non adeguati e hanno cercato di sostituirli. Se poi la tendenza allo smart working durerà serviranno piattaforme infrastrutturali e prodotti per i singoli utenti. E chi è abituato ad avere un pc a casa, ma normalmente di backup a quello principale d’ufficio, potrebbe sentire il bisogno di mantenerlo più aggiornato. Se invece il picco di domanda di queste settimane è solo un picco, la situazione cambia. La domanda calerà fisiologicamente, e ne avranno approfittato le poche aziende, vendor e retailer, che avevano chiuso il 2019 con alti livelli di inventario.

It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin