A Roma, Milano e nelle capitali europee la ripresa del mercato del lavoro è più lenta

La ripresa del mercato del lavoro a Roma e Milano è più lenta rispetto al resto d’Italia. Una prima indicazione arriva dal numero di annunci di lavoro pubblicati, che nelle due città sono rispettivamente in calo del 35% e del 29% rispetto all’anno passato, mentre nel resto del Paese la decrescita è del 23%. La stessa tendenza è stata riscontrata anche nelle principali capitali europee, tra cui Londra, Madrid, Parigi e Berlino. Lo afferma uno studio di Indeed, il sito di ricerche e offerte di lavoro globale.

A Parigi offerte di lavoro -40%, a Londra -50%

A quanto risulta dallo studio, Parigi ha registrato la discrepanza maggiore con il resto del Paese, con offerte di lavoro in calo del 40% (-15% rispetto al resto del Paese). Seguono Londra (-50%, indietro di 9 punti), Berlino (- 25%, indietro di 7 punti) e Madrid (-46%, indietro di 6 punti). In tutte queste città la ripresa è decisamente più lenta rispetto ad altre regioni nei rispettivi Paesi. Il ritardo è particolarmente pronunciato nei lavori che implicano una gestione ‘face to face’ e, nelle capitali, il numero di visitatori dei centri commerciali o nelle strutture di ospitalità sta registrando difficoltà di recupero più significative che altrove.

“Un barometro in tempo reale della salute dell’economia”

“Le offerte di lavoro sono un barometro in tempo reale della salute dell’economia – commenta Pawel Adrjan, economista e responsabile delle attività di ricerca di Indeed per l’area Emea -. I nostri dati evidenziano come i mercati del lavoro nelle principali città europee stiano affrontando la seconda ondata di pandemia in una posizione più debole rispetto ad altre regioni”. Confrontando Roma, Milano e le altre quattro grandi città europee prese in esame, riferisce Adnkronos, emerge come le offerte di lavoro nei settori del food service, della bellezza e del benessere, dell’ospitalità e del turismo stiano recuperando più lentamente rispetto a quelle di altri settori.

Per le grandi città è più difficile recuperare rispetto a piccoli centri e aree non urbane

“Si tratta di una recessione delle grandi città in tutto il mondo – continua Adrjan -. Per le grandi città europee ciò significa che il periodo di aggiustamento del mercato del lavoro sarà più lungo, e potenzialmente più difficile rispetto quanto avverrà nelle città più piccole e le aree non urbane. La crescita esplosiva del lavoro da casa nelle grandi città implica d’altro canto una diminuzione significativa dei lavori di servizio face to face al cliente”.

In tutte e sei le città esaminate le offerte di lavoro che menzionano la possibilità di lavorare da casa è infatti significativamente più alta rispetto alle altre regioni dei Paesi di riferimento. In Italia, tuttavia, si evidenzia una disponibilità di offerte di lavoro da remoto più bassa rispetto a quanto avvenga nelle altre città europee.

It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin