Cancro al seno: quali sono i campanelli d’allarme?

Oggi le donne sono molto più propense, rispetto il passato, ad effettuare dei controlli periodici e adottare tutte le precauzioni che possono aiutare a diagnosticare in anticipo un cancro al seno.

In particolar modo esistono alcuni sintomi che possono essere considerati dei campanelli d’allarme anche se, è bene sottolinearlo adeguatamente, riscontrare sul proprio corpo uno dei sintomi di seguito elencati non significa per forza che vi sia un cancro al seno ma può tranquillamente trattarsi di altro.

Ad ogni modo, è bene sempre contattare il proprio medico di fiducia o specialista per sciogliere ogni dubbio. Ecco di seguito alcuni di quelli che possono essere considerati dei campanelli d’allarme per il cancro al seno e che dunque necessitano di tutta la nostra attenzione.

Modifiche nell’aspetto del seno

Se dovessi riscontrare, anche tramite l’autopalpazione, un eccessivo numero di noduli o comunque la presenza al tatto di altro tipo di formazioni solide, fai bene ad effettuare un controllo presso il tuo senologo di fiducia.

Il controllo va fatto ancora di più se si presenta anche un certo arrossamento della pelle ed un ispessimento, i quali potrebbero essere il segnale di una neoplasia. Il medico andrà inoltre a verificare anche eventuali variazioni presenti sul capezzolo effettuando al tempo stesso alla paziente alcune domande inerenti la sua salute.

Perdita di sangue al di fuori del ciclo

Soprattutto in giovane età, avere delle perdite al di fuori del ciclo è considerato normale e non rappresenta un qualcosa che lascia perplessi. Spesso infatti, si tratta semplicemente di alcune variazioni ormonali che sono anche fisiologiche.

In altri casi è invece possibile che questo sia il segnale di una endometriosi o di un cancro dell’endometrio.

Per questo motivo la perdita di sangue al di fuori del ciclo non va sottovalutata ma è bene comunque effettuare una visita così da dissipare eventuali dubbi.

Fastidi in bocca

Delle volte è possibile avvertire in bocca la presenza di piccole piaghe o brufoli sulla lingua, così come escoriazioni sulla gengiva. È possibile chiaramente che si tratti di fenomeni passeggeri legati alla digestione o a ciò che si è mangiato, ma nel caso in cui il fenomeno non dovesse scomparire con i rimedi casalinghi, diventa necessario andare ad effettuare una visita presso uno specialista.

Individuare per tempo infatti una problematica di questo tipo consente di poter accedere a cure che sono certamente meno invasive con possibilità di successo più alte.

Ingrossamento dei linfonodi

Nel caso in cui si dovesse riscontrare l’ingrossamento dei linfonodi, ad esempio quelli che stanno sotto le ascelle, nel torace o nel collo, è bene rivolgersi senza indugi al proprio medico.

Ad ogni modo, solitamente questo tipo di fenomeno è legato a problemi infettivi e per questo si tratta di una evenienza alquanto comune. Chiaramente tutto rientra nella normalità se i linfonodi scompaiono nell’arco di 10 giorni circa.

Se così non dovesse essere, ed il linfonodo dovesse continuare ad aumentare di volume, lo specialista potrebbe richiedere di effettuare una ecografia accompagnata da una biopsia.

Febbre che non sembra passare

Di norma la febbre non è una sintomatologia legata a problemi oncologici. Ad ogni modo vi sono dei tipi di tumore che vanno ad alterare la capacità del nostro corpo di regolare la sua temperatura. Per questo motivo una febbre anomala, apparentemente immotivata e persistente, diventa un campanello d’allarme e per questo motivo è bene rivolgersi al proprio medico di fiducia.

Conclusioni

Tenere a mente queste semplici informazioni ti aiuterà nel caso in cui dovessi avere un dubbio, o possono rivelarsi utili nel caso in cui dovessi riscontrare una di queste sintomatologie. In quell’evenienza non esitare a contattare il tuo medico di fiducia per sciogliere ogni dubbio.