Pensioni: Quota 100, la misura prevista dal DL

La misura pensionistica nota come Quota 100 partirà ad aprile 2019. Si tratta della sperimentazione triennale prevista nella bozza del Decreto legge, e contenente disposizioni relative all’introduzione del reddito di cittadinanza e a interventi in materia pensionistica. Per il triennio 2019-2021 quindi si potrà andare in pensione anticipata a 62 anni e 38 di contributi. Il requisito relativo all’età anagrafica, si legge nella bozza, sarà “successivamente adeguato agli incrementi della speranza di vita”. E per maturare il diritto all’accesso sarà possibile cumulare eventuali contributi maturati in altre gestioni.

Finestre temporali di decorrenza

Quota 100, riporta Adnkronos, non è cumulabile con i redditi da lavoro dipendente o autonomo. Un limite cui fanno eccezione i redditi da lavoro autonomo occasionale, per un massimo di 5mila euro lordi annui, valido fino “alla maturazione dei requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia”. Secondo la bozza del Dl i lavoratori privati che abbiano maturato i requisiti di 62 anni di età e 38 di contributi entro il 31 dicembre 2018 possano conseguire il diritto alla pensione con decorrenza a tre mesi, a partire quindi dal 1° aprile prossimo. Per i lavoratori pubblici la decorrenza è pari a sei mesi e la prima finestra di uscita prevista è per luglio prossimo. Sempre per i lavoratori pubblici è previsto un preavviso alle amministrazioni di almeno sei mesi.

Pensione anticipata con 42 anni di contributi

L’accesso alla pensione anticipata è consentita “se risulta maturata un’anzianità contributiva di 42 anni e 10 mesi per gli uomini e di 41 anni e 10 mesi per le donne”. In questo caso il diritto alla decorrenza delle pensione una volta maturati i requisiti è trimestrale.

L’abrogazione degli incrementi di età legati all’aumento della speranza di vita è riservata ai lavoratori precoci che a partire dal 1° gennaio, e trascorsi 3 mesi dalla maturazione dei requisiti stessi, conseguiranno il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico. Fino al 31 dicembre 2019 è poi prorogata, ma solo per un anno, l’Ape sociale per particolari categorie di lavoratori disagiati.

Opzione donna e convenzioni fra banche e PA

Il diritto al trattamento pensionistico anticipato ricalcolato con il metodo contributivo è riconosciuto per le donne nate entro il 31 dicembre 1959 che abbiano maturato un’anzianità contributiva pari o superiore ai 35 anni. Le Pubbliche amministrazioni potranno stipulare convenzioni con le banche per far fronte all’erogazione anticipata dell’indennità di fine servizio per i lavoratori che accederanno al pensionamento anticipato. Le convenzioni, si legge ancora nella bozza, “fisseranno preventivamente i limiti dei tassi di interesse che potranno essere applicati dagli istituti di credito medesimi”.

Per dare piena attuazione alle disposizioni contenute nel decreto è stata autorizzata una spesa di 50 milioni di euro per l’assunzione di personale da assegnare alle strutture dell’Inps.

It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin