7 Italiani e influencer, in 20 milioni ne seguono almeno uno

Non solo persone, ma anche brand editoriali con profili social di spicco nelle community di riferimento: sono gli influencer, e se circa 20 milioni di italiani tra i 18 e i 54 anni ne seguono almeno uno il 48% segue un macro influencer. Sono proprio i macro influencer al centro della ricerca Italiani & Influencer, realizzata da Buzzoole, InfoValue e Mondadori Media, con l’obiettivo di approfondire le opinioni degli italiani nei confronti di una categoria sempre più importante nei consumi. In particolare, l’indagine analizza l’autorevolezza riconosciuta a gli influencer in nove campi specifici, da salute e benessere a famiglia e figli, da intrattenimento, tecnologia e scienza a bellezza e personal care, fashion, food e beverage, fino a viaggi e turismo, auto e moto.

Quanto e perché si segue un influencer

L’indagine analizza il rapporto degli italiani con gli influencer e i brand editoriali in relazione alla loro presenza sui social, e il tipo di ruolo che assumono nell’intrattenimento e nei processi d’acquisto. Il primo elemento riguarda la frequenza di consultazione dei loro profili. Il 37% dichiara di seguirli ogni giorno, mentre un altro 37% ogni 2/3 giorni. Ma perché si segue un influencer? Per i consigli che può dare (54%, soprattutto per il food) oppure in quanto esperto di singoli argomenti (51%, tecnologia e motori), oppure perché si prende come modello di riferimento con cui identificarsi (19%, fashion e famiglia).

Un consulente che gioca un ruolo determinante nell’acquisto

In merito alle piattaforme utilizzate, Instagram risulta il social di eccellenza (67%), seguito da Facebook (59%) e YouTube (53%), mentre il target giovane li segue su TikTok (9%) e il 4% su Twitch, riporta Ansa. Lo studio mette poi in risalto il ruolo dei macro influencer nel processo d’acquisto. Può essere il “tutor” che spiega un prodotto (54%), specialmente in ambito food e nel beauty, lo scopritore in grado di far conoscere nuovi beni (47%) nel tech e beauty, l’amico che sa indicare dove e quando fare un acquisto (41%), soprattutto per gli appassionati di auto e moto, o ancora, il trend setter per eccellenza (27%). Ci si aspetta quindi che l’influencer e il brand editoriale forniscano informazioni sulle diverse tipologie merceologiche, diventando un consulente che può giocare un ruolo determinante nell’acquisto.

Beauty, food, fashion, tecnologia, le categorie più condizionate per lo shopping 

Dopo avere indagato il ruolo giocato dai macro influencer all’interno del percorso d’acquisto, la ricerca ha esaminato quanto sia incidente la loro figura nella propensione alle spese: l’85% degli italiani ha dichiarato di tenere in considerazione la loro opinione sui social quando si tratta di acquistare un prodotto.

Ma quanti acquisti vengono “davvero” effettuati sulla base dei consigli degli influencer? Nell’ultimo anno circa la metà degli intervistati ha comprato una media di 2 prodotti o servizi consigliati da influencer o brand editoriali sui social: beauty, food, fashion e tecnologia sono le categorie in cui lo shopping viene condizionato maggiormente.

It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin